Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

L’obesità è un fattore esacerbante per l’emicrania


È stata stuadiata l’influenza dell’indice di massa corporea ( BMI ) [ calcolato come il peso in chilogrammi diviso per l’altezza in metri al quadrato ] ) su frequenza, gravità e sui pattern di trattamento dell’emicrania, emicrania probabile, e gravi episodi di cefalea tensiva.

È stato inviato un questionario a 120.000 famiglie selezionate in modo da risultare rappresentative della popolazione degli Stati Uniti. I partecipanti sono stati divisi in 5 categorie il base al loro indice BMI: sottopeso ( 35 ).

Il tasso di risposta è stato del 65%. Sono stati individuati 18.968 individui con emicrania, 7.564 con emicrania probabile e 2.051 con cefalea tensiva.

La distribuzione della cefalea molto frequente ( 10-14 die/mese ) è stata valutata in relazione all’indice BMI. Tra gli individui con emicrania, la cefalea molto frequenti si è presentata nel 7,4% ( P = 0,10 ) dei soggetti in sovrappeso, nell’8,2% degli obesi ( P = 0,001 ) e nel 10,4% di quelli con obesità patologica ( P = 0,0001 ), rispetto al 6,5% dei soggetti normopesi, in una analisi aggiustata.

Tra gli individui con emicrania probabile e cefalea tensiva, le differenze non sono risultate significative ( P = 0,20 ).

La disabilità di quanti soffrivano di emicrania, ma non dei pazienti con emicrania probabile o cefalea tensiva variava in dipendenza dell’indice di massa corporea.
Tra le persone con emicrania, il 32% delle persone normopeso ( P < 0,01 ) hanno mostrato qualche disabilità, rispetto al 37,2% delle persone in sovrappeso, al 38,4% degli obesi ( P < 0,001 ) e al 40,9% degli obesi patologici ( P < 0,001 ).

Da questo studio emerge che l’obesità è un fattore esacerbante per l’emicrania ma non per gli altri tipi di cefalea episodica. ( Xagena2007 )

Bigal ME et al, Arch Intern Med 2007; 167: 1964-1970


Neuro2007 Endo2007 Emicra2007


Indietro