XXIII World Congress of Neurology
Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN
Tumori testa-collo

La stimolazione elettrica a distanza non-dolorosa allevia il dolore da emicrania episodica


È stata valutata l'efficacia della stimolazione elettrica a distanza, non-dolorosa, della pelle della parte superiore del braccio nel ridurre il dolore da attacco di emicrania.

È stato effattuato uno studio prospettico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con simulazione.
Sono stati applicati elettrodi cutanei alla parte superiore del braccio subito dopo l'inizio dell'attacco di emicrania per 20 minuti, a varie ampiezze d'impulso, astenendosi dai farmaci per 2 ore.
Ai pazienti è stato chiesto di utilizzare il dispositivo per un massimo di 20 attacchi.

In 71 pazienti ( 299 trattamenti ) con dati valutabili, è stata ottenuta una riduzione del dolore del 50% per il 64% dei partecipanti sulla base dei migliori stimoli di larghezza di impulso di 200 micros, 150 micros e 100 micros per individuo rispetto al 26% per gli stimoli simulati.

Una maggiore riduzione del dolore è stata trovata per la stimolazione attiva rispetto al placebo; per i pazienti che hanno iniziato con dolore grave o moderato, la riduzione a dolore lieve o a nessun dolore si è verificata nel 58% ( 25/43 ) dei partecipanti ( 66/134 trattamenti ) per il protocollo di stimolazione da 200 micros e nel 24% ( 4/17; 8/29 trattamenti ) per il placebo ( P=0.02 ), e la riduzione a nessun dolore si è verificata nel 30% ( 13/43 ) dei partecipanti ( 37/134 trattamenti ) e nel 6% ( 1/17; 5/29 trattamenti ), rispettivamente ( P=0.004 ).

L'applicazione precoce del trattamento, entro 20 minuti dall'esordio dell'attacco, ha prodotto risultati migliori: riduzione del dolore del 46.7% rispetto a riduzione del 24.9% in caso di inizio successivo ( P=0.02 ).

In conclusione, la stimolazione a distanza non-dolorosa della pelle può ridurre significativamente il dolore emicranico, soprattutto se applicata all'inizio di un attacco.
Questo si verifica presumibilmente attivando percorsi di inibizione discendenti attraverso l'effetto di modulazione del dolore condizionato.
Questo trattamento può essere proposto come strumento non-farmacologico, facile da usare, privo di eventi avversi e poco costoso per ridurre il dolore emicranico. ( Xagena2017 )

Yarnitsky D et al, Neurology 2017; 88: 1250-1255

Neuro2017



Indietro