Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il rischio di ictus non risulta aumentato tra i pazienti con emicrania


Principalmente, le evidenze circa l’associazione tra emicrania e cefalea e un successivo rischio di ictus derivano da studi caso-controllo retrospettivi.
I dati prospettici che hanno valutato l’associazione tra specifiche forme di cefalea e l’ictus sono scarsi.

Uno studio prospettico di coorte è stato condotto presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston tra 39.754 sanitari statunitensi di età pari a 45 anni o più, partecipanti al Women’s Health Study con un periodo medio di follow-up di 9 anni.

Si sono manifestati 385 casi di ictus ( 309 ischemico, 72 emorragico e 4 non definito ).

Rispetto a coloro che non soffrivano di emicrania, i partecipanti che hanno riportato emicrania o emicrania senza aura non hanno presentato un aumento del rischio per nessun tipo di ictus.

I partecipanti, che hanno riferito di soffrire di emicrania con aura, hanno presentato un incremento del rischio ( hazard ratio, HR ) di 1.53 per l’ictus totale e di 1.71 per l’ictus ischemico, ma nessun aumento del rischio per ictus emorragico.

I pazienti con emicrania con aura di età inferiore a 55 anni hanno avuto un più elevato incremento del rischio di ictus totale ( HR = 1.75 ) e di ictus ischemico ( HR = 2.25 ).

Rispetto ai partecipanti senza cefalea, la cefalea in generale e la cefalea non-emicranica non erano correlate all’ictus totale, all’ictus ischemico o all’ictus emorragico.

In questi dati prospettici, non è emersa una relazione tra emicrania e ictus totale, ictus ischemico o ictus emorragico.
Nell’analisi di sottogruppo, è stato riscontrato un incremento del rischio di ictus totale ed ischemico per coloro che soffrono di emicrania con aura.
L’incremento assoluto di rischio è stato, tuttavia, basso con 3.8 casi aggiuntivi per 100.000 donne-anno. ( Xagena2005 )

Kurth T et al, Neurology 2005 ; 64: 1020-1026


Neuro2005 Emicra2005


Indietro