Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Associazione tra emicrania con aura e altri fattori di rischio con malattie cardiovascolari incidenti nelle donne


È noto che l'emicrania con aura aumenta il rischio di malattie cardiovascolari. Il contributo assoluto dell'emicrania con aura all'incidenza di malattia cardiovascolare in relazione ad altri fattori di rischio cardiovascolare rimane non ben definito.

È stato stimato il tasso di incidenza di malattia cardiovascolare per le donne con emicrania con aura rispetto alle donne con altri fattori maggiori di rischio vascolare nel Women’s Health Study ( WHS ), che ha coinvolto professioniste della salute negli Stati Uniti con misurazioni dei lipidi e nessuna malattia cardiovascolare al basale ( 1992-1995 ), seguite fino al 2018.

È stata considerata l’emicrania con aura auto-riferita rispetto all'emicrania senza aura o nessuna emicrania al basale.

L'esito primario era una malattia cardiovascolare maggiore ( primo infarto miocardico, ictus o morte per cause cardiovascolari ).
Sono stati calcolati i tassi di incidenza aggiustati per più variabili per gli eventi cardiovascolari maggiori in base allo stato dei fattori di rischio includendo tutte le donne nella coorte.

La popolazione dello studio ha compreso 27.858 donne ( età media al basale, 54.7 anni ), tra le quali 1.435 ( 5.2% ) soffrivano di emicrania con aura e 26.423 ( 94.8% ) senza questa patologia ( 2.177, 7.8%, avevano emicrania senza aura e 24.246, 87.0%, non avevano avuto emicrania nell'anno precedente, al basale ).

Durante un follow-up medio di 22.6 anni ( 629.353 anni-persona ), si sono verificati 1.666 eventi cardiovascolari maggiori.
Il tasso di incidenza aggiustato di malattia cardiovascolare maggiore per 1.000 anni-persona è stato di 3.36 per le donne con emicrania con aura versus 2.11 per le donne con emicrania senza aura o senza emicrania ( P minore di 0.001 ).

Il tasso di incidenza per le donne con emicrania con aura è risultato significativamente più alto del tasso di incidenza aggiustato tra le donne con obesità ( 2.29 ), alti livelli di trigliceridi ( 2.67 ), o basso colesterolo HDL ( 2.63 ), ma non è risultato significativamente diverso dai tassi tra quelle con pressione sistolica elevata ( 3.78 ), colesterolo totale alto ( 2.85 ), o storia familiare di infarto miocardico ( 2.71 ).

I tassi di incidenza tra le donne con diabete ( 5.76 ) o che attualmente fumavano ( 4.29 ) sono risultati significativamente più alti di quelle con emicrania con aura.
L'aumento incrementale del tasso di incidenza dell'emicrania con aura variava da 1.01 casi aggiuntivi per 1.000 anni-persona se aggiunti all'obesità, a 2.57 casi aggiuntivi per 1.000 anni-persona se aggiunti al diabete.

In questo studio su operatori sanitari di sesso femminile di almeno 45 anni, le donne con emicrania con aura hanno presentato un più alto tasso di malattia cardiovascolare rispetto alle donne con emicrania senza aura o senza emicrania.
L'importanza clinica di questi risultati e la possibilità che siano generalizzabili al di là di questa popolazione di studio richiedono ulteriori ricerche. ( Xagena2020 )

Kurth T et al, JAMA 2020; 323: 2281-2289

Cardio2020 Neuro2020



Indietro